I denti storti sono tra i difetti del sorriso che più mettono in imbarazzo e possono rappresentare anche una minaccia per la salute, sia della bocca che di tutto il corpo.

Le cause che possono portare ad avere una dentatura non perfettamente allineata sono davvero molteplici, ma è sicuramente consigliabile intervenire il prima possibile. Le possibilità sono tante, a seconda della gravità del problema: dall’ortodonzia classica (fissa o mobile) agli allineatori trasparenti, fino all’intervento con le faccette estetiche.

Denti storti: non solo un problema estetico

I denti storti, per molti, sono senza dubbio un problema estetico: una dentatura non allineata può essere motivo di profondo imbarazzo, fino a tramutarsi in un vero e proprio ostacolo nella costruzione di relazioni personali serene. Chi non riesce ad accettare la propria bocca tende a chiudersi, ad essere timido, a non sorridere per paura di scoprire un punto debole. In casi estremi, poi, la dentatura storta può anche alterare i tratti del viso, e la situazione si fa ancora più complessa.

Molto peggiori, però, sono i problemi di salute che una dentatura storta può provocare:

  • Problemi digestivi (scorretta masticazione);
  • Problemi respiratori (impossibilità di chiudere bene la bocca);
  • Problemi di articolazione del linguaggio;
  • Dolori alla faccia e al cranio (mal di testa, acufeni…);
  • Squilibri posturali;
  • Problemi di igiene orale (denti più difficili da lavare bene);
  • Fragilità dentale.

I possibili rimedi

Vista l’importanza dei problemi che possono creare, è bene adoperarsi tempestivamente per raddrizzare i denti storti.
Le strade percorribili, per fortuna, sono molte e dipendono dalla gravità della situazione e dalle cause: si può scegliere la via dell’ortodonzia, che può essere tradizionale (fissa o mobile) oppure trasparente, altrimenti, un altro possibile rimedio ai denti storti, è l’applicazione delle faccette estetiche.

  • L’ortodonzia tradizionale (fissa e mobile)
    L’ortodonzia tradizionale è la risposta più classica ad un problema di dentatura storta. È il cosiddetto “apparecchio”, che può essere fisso o mobile (le due modalità possono anche alternarsi nel tempo, durante il trattamento). Il principio d’azione è molto semplice, gli elementi che compongono l’apparecchio sottopongono i denti storti ad una pressione graduale ma costante, che li riconduce nella posizione ottimale.
  • Allineatori trasparenti
    Un principio analogo all’ortodonzia trasparente. Il vantaggio, in questo caso, è la perfetta resa estetica. Le mascherine trasparenti, infatti, non si notano e non creano problemi nel linguaggio. Risultano, così, molto meno invasive di un apparecchio classico.
  • Le faccette dentali
    Anche le faccette dentali possono rappresentare una soluzione per chi ha denti storti, ma l’azione è diversa rispetto all’ortodonzia. Applicando le faccette estetiche, infatti, non si raddrizzano i denti, ma se ne modifica l’aspetto esteriore. La dentatura, quindi, sembrerà dritta, pur senza essere stata realmente spostata.